In questo momento stai vedendo la Catalogna in un camper o quello che vuoi: El Ripollès e Osona. Da instagrammer @soulrey_
El Ripollès e Osona in camper

Catalogna in camper o quello che vuoi: El Ripollès e Osona. Di instagrammer @soulrey_

Scopri un viaggio stimolante attraverso Osona e Ripollès: la Catalogna in camper, camper o auto da solo. Lasciati stupire da alcune pittoresche destinazioni dell'entroterra da scatenare. Molto più di quanto immagini!

Informazioni su @soulrey_

Arantxa e Laura di Barcellona, ​​sono due sorelle che dal loro profilo Instagram mostrano escursioni e percorsi attraverso la Catalogna vissuti in prima persona... che ci ispirano.

Oggi vogliono condividere con noi due grandi percorsi attraverso le regioni catalane di Ripollés e Osona.

Soulrey_

1. Percorsi attraverso la Catalogna in camper, camper o auto: El Ripollès

Iniziamo il nostro percorso attraverso i paesi della Vall de Camprodon. In esso scopriremo diverse città che seguono tutte la stessa architettura in pietra, l'essenza del nord della Catalogna e le tradizioni artigiane. Non puoi perderti Setcases, La Roca, Camprodon e Beget.

Hai intenzione di scoprire la Catalogna in camper?

 

Setcases: una cittadina molto pittoresca

Iniziamo con la città più settentrionale chiamata Setcases. Situata nella provincia di Girona e nella regione di Ripollés, è una piccola cittadina pittoresca, con strade acciottolate e case in pietra. In essa si respira molta tranquillità e un senso di tradizione locale, con le sue piccole botteghe artigiane dove possiamo trovare prodotti come gli insaccati locali, i tipici biscotti Birba, il miele artigianale o altri souvenir.

Allo stesso modo, è una zona con un afflusso turistico nei mesi invernali poiché si trova molto vicino al piste da sci de Vallter 2000 e quindi nel centro del paese ci sono dei sedili molto particolari realizzati con gli sci.

Ci stiamo godendo il nostro viaggio attraverso la Catalogna in un camper in larga misura!

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Cofanetti Ca La Nuria / Foto: @soulrey_ 

Sedili realizzati con gli sci / Foto: @soulrey_ 

Essenza e tradizioni 

Puoi anche visitare il Chiesa di Sant Miquel, con il suo attraente altare barocco dorato, e accanto ad esso, il Font del Replegador, una piccola fontana situata in Plaça del Replegador che ha un ruota di mulino che ci ricorda le tradizioni contadine.

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Chiesa di Sant Miquel / Foto: @soulrey_ 

Ricartella Font / Foto: @soulrey_ 

Durante il nostro percorso attraverso la Catalogna in camper, vorremmo anche condividere una delle leggende che esistono di questo comune e funziona così: Una famiglia di allevatori composta da un padre (cieco) e i suoi sette figli ha scalato per la prima le montagne tempo di pascolare le sue pecore quando ha iniziato a nevicare.

I bambini furono sorpresi da quelle strane cose biancastre che cadevano dal cielo e il padre spiegò loro che erano fiocchi di neve e che in poche ore tutte le montagne sarebbero state coperte e il suo bestiame non sarebbe sopravvissuto al freddo.

 Poi cominciarono a discendere la montagna quando incontrarono un fiore di sambuco e decisero di stabilirsi lì. Ciascuno dei figli ha costruito una capanna, per un totale di sette. Da qui il nome della popolazione di Setcases.

 

La roccia: scale per il paradiso 

Continuiamo il nostro percorso attraverso la Catalogna in camper e ci dirigiamo verso Camprodon, ma attenzione! prima di decidere di fare tappa in un paese che attira la nostra attenzione per la sua posizione in cima a una roccia e che, come dice il nome, The Rock.

Questa città unica si trova a 1.040 m di altitudine ed è stata fondata ai piedi del Castell de la Roca. Oggi possiamo parcheggiare il un piccolo parcheggio in via Camí del Canal e da lì risalire Plaça e Carrer del Túnel fino a raggiungere la Chiesa della Virgen de la Piedad di origine romanica (XII secolo).

Da lì possiamo accedere al Castell de la Roca Pelancà e salire al punto di vista. Sì, sappiamo che dal basso sembra che ci siano molte scale ma ti consigliamo di salire poco a poco perché i panorami ne valgono la pena.

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Ingresso attraverso Camí del Canal / Foto: @soulrey_ 

Viste dal belvedere / Foto: @soulrey_ 

Camprodon: A spasso nel Medioevo

Continuiamo il nostro viaggio verso la famosa città Camprodon. È uno dei borghi medievali più grandi della zona E quello che più consigliamo è di perdersi tra le sue vie del centro storico. Naturalmente, un posto meraviglioso da visitare durante il tuo viaggio attraverso la Catalogna in camper.  

Uno dei punti consigliati è il Pont Nou de Camprodón, che è l'immagine simbolo della città, dove possiamo scattare alcune foto dal basso ma possiamo anche accedere al ponte e fare qualche selfie occasionale.

Cambiamo prospettiva e ci dirigiamo verso Calle Valencia. Questo è la strada principale e in esso possiamo trovare diverse attività commerciali e ristoranti.

 Un altro posto che possiamo visitare è il Monastero di Sant Pere. All'inizio, questo spazio religioso aveva la funzione di una chiesa, ma anni dopo fu deciso per ordine di Guifré II di Besalú che doveva essere fondato come monastero.

E infine, ti consigliamo di fare una passeggiata attraverso il Passeig Maristany. In questo piccolo viale possiamo vedere diversi edifici unici che attualmente sono abitazioni private e, soprattutto, la cosa più piacevole è passeggiare tra i suoi grandi alberi che lo compongono in parallelo.

Il nostro percorso attraverso la Catalogna in camper ci incanta!

Catalogna in camper

Pont Nou de Camprodon / Foto: @soulrey_ 

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Monastero di Sant Pere / Foto: @soulrey_ 

Beget: una città davvero carina

Era ora di passare alla nostra ultima fermata. E questo è in Generare; considerato uno dei borghi più belli della Catalogna e senza dubbio lo riaffermiamo.

Dobbiamo dire che per accedervi dobbiamo attraversare una strada tortuosa un po' complicata ma di valore perché l'obiettivo è impressionante all'interno del nostro percorso attraverso la Catalogna in camper. Proprio all'ingresso del paese c'è un piccolo parcheggio gratuito.

Beget è un paese situato tra le montagne, che ha una bella chiesa in stile romanico catalano e due piccoli ponti in pietra che attraversano la Riera de Beget.

Un campanile sullo skyline

Potremmo dire che la Chiesa di Sant Cristòfol è lo skyline del paese, grazie al suo campanile che si staglia ad occhio nudo. È anche considerato Bene di interesse culturale.

Lo abbiamo visitato nel tardo pomeriggio ed è stato un peccato perché ci sarebbe piaciuto vedere le Pozas de la Riera Salarsa. Ma nonostante ciò abbiamo potuto goderci una tranquilla passeggiata per le sue strade acciottolate e la tranquillità che emanavano quelle case in pietra con le case a graticcio.

È finita... che peccato

E arriviamo alla fine. Il percorso attraverso Vall de Camprodón ci ha lasciato molto colpiti per l'architettura catalana che ritroviamo nelle sue città e per l'ambiente naturale che le circonda. 

Crediamo che questo itinerario si possa fare in un giorno ma ci sono anche altri paesi della zona e circuiti in mezzo alla natura per continuare alla scoperta di luoghi che permettono di trascorrere più giorni. Se stai pianificando una vacanza in Catalogna in camper, non puoi perderti il ​​percorso attraverso El Ripollès!

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Genera / Foto: @soulrey_ 

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Chiesa di Sant Cristòfol / Foto: @soulrey_ 

2. Percorsi attraverso la Catalogna in camper, camper o auto: Osona

Il seguente percorso che proponiamo è ricco di natura e sorprese: Salt del Mir, Tavertet, Mirador del Ter, Sant Pere de Casserres e Pedres màgiques de Sant Feliuet de Savassona. Ti invitiamo a scoprirlo con noi. Ideale per il tuo percorso attraverso la Catalogna in camper!.

Osona, prima tappa: Cascata del Salt del Mir: prima tappa

La nostra prima tappa è visitare la spettacolare cascata di Salt del Mir. Si trova a Santa María de Besora, un comune rurale molto accogliente circondato dalla foresta. Si trova nella regione di Osona, a una trentina di minuti da Ripoll (circa 20 km).

Consigliamo di raggiungere il paese con l'auto privata, poiché è un piccolo paese e non ha ottimi collegamenti con i mezzi pubblici.

Il percorso può essere iniziato dalla città di Santa María de Besora o dal ristorante Cabanya del Mir. Da segnalare che c'è la possibilità di parcheggiare l'auto lì ma è un parcheggio abbastanza piccolo ed è riservato ai clienti.

Appena usciti dal parcheggio è possibile vedere un cartello che indica la strada da seguire, ci sono circa 30 - 40 minuti dalla cascata. Questo varierà a seconda del ritmo che prendi.

Appena iniziate il sentiero troverete sulla sinistra un prato con cavalli. Successivamente il sentiero si inoltra nel bosco fino a raggiungere un cartello con la scritta “El Salt” che indica la direzione a destra. Successivamente troverai un ponte che attraversa un recluso.

Catalogna in camper

Ponte lungo il percorso / Foto: @soulrey_ 

Noi

Una volta superato questo, vedrai un bivio e devi seguire il sentiero che va a destra. Da qui il sentiero scenderà fino a raggiungere una capanna in pietra abbandonata e lì si dovrà svoltare a destra.

A pochi metri il sentiero si divide in due, bisogna seguire quello a sinistra. Seguendo questo percorso troverete un vecchio mulino in rovina che si integra perfettamente con la flora del luogo.

Da qui è l'ultima sezione fino a trovare l'ultimo cartello che dice di nuovo "El Salt". A poca distanza troverete delle scale e un piccolo belvedere da apprezzare la bella cascata.

Se continui a scendere le scale e il livello dell'acqua è basso, puoi raggiungere i piedi della cascata e contemplarla da più vicino. Questa spettacolare cascata è alta 35 metri e soprattutto nelle stagioni delle piogge è possibile scoprire la grande cascata che scivola giù per la montagna. È un luogo ideale spettacolare per un buon tour della Catalogna in camper.

Sorprendente: una cascata con occhi e bocca!

Per curiosità, se guardi da vicino puoi vedere una faccia con due occhi, un naso e una bocca. (Lo abbiamo scoperto una volta scattata la foto).

Cascata Salt del Mir / Foto: @soulrey_ 

Per il ritorno bisognerà fare lo stesso percorso ma questa volta sarà tutto in salita quindi potrebbe volerci più tempo rispetto all'andata.

Ricordati di indossare scarpe comode e per i più coraggiosi, costumi da bagno per fare un tuffo anche se l'acqua è molto fredda. Devi anche stare attento a non scivolare vicino all'area della cascata.

Tavertet, seconda tappa a Osona: panorami meravigliosi

Dopo tutta questa avventura in mezzo alla natura ci siamo diretti verso la nostra prossima tappa che è Tavertet. Dista circa 46 km (1 ora) da Santa María de Besora.

Si consiglia di parcheggiare l'auto fuori dal paese in un parcheggio poiché l'ingresso non è consentito a chi non è vicino.

Tavertet è una piccola e pittoresca cittadina che appartiene alla regione di Osona, in provincia di Barcellona. Questo si trova in cima a una roccia vicino a un precipizio con una splendida vista verso la Sau Swamp e le montagne del Montseny. Visitare la Catalogna in camper ha momenti memorabili come questo.

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Viste dal belvedere di Tavertet / Foto: @soulrey_ 

Nel piccolo paese si possono vedere belle case in pietra che trasmettono un luogo molto accogliente. L'area urbana di Tavertet è stata dichiarata Bene di Interesse Culturale, poiché conta quarantotto case in pietra costruite tra il XVII e il XIX secolo.

Uno degli edifici più turistici di Tavertet è luna chiesa di Sant Cristófol de Tavertet. Questa fortificazione è una delle prime cose che troverai quando entri nell'area urbana. Questa chiesa fa parte dei percorsi romanici di Osana. La sua costruzione iniziò nell'XI secolo, ma non fu terminata fino al XVII secolo, dato che vi furono apportate numerose riforme.

Catalogna in camper
Catalogna in camper

Chiesa di Sant Cristófol de Tavertet / Foto: @soulrey_ 

Tavertet fa parte dell'iniziativa Viles florides sviluppata dalla Confederazione dell'Orticoltura Ornamentale della Catalogna (CHOC). Questo è stato creato per promuovere gli angoli, i paesi e le città attraverso spazi verdi e rigogliosi.

Ti piacciono i siti che ti stiamo mostrando? Unisciti a noi alla nostra prossima tappa, se vuoi goderti appieno la Catalogna in un camper.

Mirador del Ter a Osona: devi vederlo!

E dobbiamo farlo Punto panoramico del Ter. Questo è a 20 km (30 minuti) da Tavertet. Il belvedere si affaccia sul fiume Ter e sul Monestir de Sant Pere de Casserres che si trova dall'altra parte del meandro.

Per arrivare qui è meglio mettere la posizione su Google Maps per guidarti. Una volta lì, è necessario parcheggiare vicino al campo di calcio poiché la strada per proseguire in auto non è ottimale ed è meglio continuare a camminare. Per arrivare al belvedere non vi resta che seguire la strada e poi entrare nel sentiero tra la natura che già vi guida al belvedere in questione.

Alla fine del percorso ti ritroverai su una piccola roccia rialzata da cui puoi vedere un'incredibile vista panoramica del monastero di Sant Pere de Casserres e il meandro del fiume Ter.

Catalogna in camper

Belvedere del meandro del fiume Ter / Foto: @soulrey_ 

Monastero di Sant Pere de Casserres de Osona: un pezzo di storia

Dall'altra parte del fiume troviamo il Monastero di Sant Pere de Casserres. Questo è stato dichiarato Monumento Nazionale nel 1931, poiché è una delle opere più emblematiche del romanico catalano.

Attualmente, il monastero ospita una mostra permanente in cui puoi vedere com'era la vita dei monaci a Casserres. Nel monastero hanno ricreato le stanze che hanno mantenuto la stessa disposizione nel corso dei secoli.

Inoltre, c'è anche una serie di fotografie e audiovisivi in ​​cui viene spiegata la leggenda, la storia e il processo di costruzione. L'ingresso è aperto al pubblico ma ha un costo che viene specificato sul sito insieme agli orari di visita.

Ad oggi si conservano integralmente la chiesa romanica, il campanile e il chiostro.

Pedres magiques de Sant Feliuet de Savassona: magia in grande stile

Infine, Pedresmàgiques de Sant Feliuet de Savassona è il quarto e ultimo punto da visitare lungo il percorso. Questo luogo si trova a 12 km (circa 16 minuti) dal Mirador del Ter, a Savassona, che fa parte del comune di Tavèrnoles.

Consigliamo di parcheggiare nel parcheggio Savassona e Sant Feliuet, che si trova sulla strada principale. Una volta qui, prendiamo la strada sterrata che è indicata da alcuni cartelli in direzione di Espacio natural de Savassona.

All'interno di questa foresta troviamo una serie di pietre giganti che si dice siano state utilizzate per riti funebri. Attualmente, non è molto noto a che ora risalgono. Il primo che incontriamo è il  Pietra di Dau che è abbastanza particolare per le sue grandi dimensioni e in cui molte persone si arrampicano.

Più tardi, se vai nella foresta troverai un'altra pietra, di dimensioni più piccole, chiamata Pietra delle streghe. In esso puoi vedere incisioni rupestri come croci, vari cerchi e altre combinazioni difficili da decifrare. Accanto c'è un poster informativo che spiega tutti i dettagli in modo più dettagliato.

Continuiamo!

Poco più avanti vediamo il Pedra del Nen o de l'Home che in essa è rappresentata la figura antropomorfa di un corpo umano, questa è costituita da un volto con occhi e bocca, il corpo, con braccia e mani e due gambe di piccola taglia con grandi piedi.

Riprendendo la strada per Piedra del Dau, andiamo all'Eremo di Sant Feliuet ma lungo il percorso farete una sosta per osservare il Pedra dei Sacrifici. Questa è una delle più importanti in quanto pesa più di 400 tonnellate e durante alcuni scavi sono state rinvenute ossa e utensili.

Catalogna in camper
Catalogna in camper
Catalogna in camper
Catalogna in camper

Pedra del Dau / Foto: @soulrey_ 

La pietra delle streghe / Foto: @soulrey_ 

La Pedra del Nen o de l'Home / Foto: @soulrey_ 

Pedra del Sacrifici / Foto: @soulrey_ 

Proseguendo con il sentiero, si sale per un sentiero nel bosco fino a raggiungere la fine della montagna dove il Eremo di Sant Feliuet con dettagli preromanici. Da questo punto alto si possono vedere meravigliosi panorami del Montseny, la piana di Vic, il corso del fiume Ter e il castello di Savassona.

Un luogo idilliaco per godersi il tramonto e infine finisci il nostro percorso che puoi includere nel tuo viaggio attraverso la Catalogna in camper.

Catalogna in camper

Eremo di Sant Feliuet / Foto: @soulrey_ 

Catalogna in camper. Non puoi perderlo!

Ci auguriamo che entrambi i percorsi ti siano piaciuti e che tu sia incoraggiato a percorrerli. Ci piacerebbe vedere i tuoi commenti e ricevere le tue esperienze!

Volevamo una menzione speciale a @kucavana per averci dato l'opportunità di partecipare al suo blog, quindi non dimenticate di seguirci entrambi su Instagram.

Altri articoli che potrebbero interessarti sui viaggi in camper in Spagna

Lascia una risposta