In questo momento stai vedendo Viaggiare in camper in Europa. 5 consigli di Sergio e Ana
Viaggiare in camper in Europa

Viaggiare in camper in Europa. 5 consigli per Sergio e Ana

Oggi vogliamo condividere la storia di Sergio (fotografo, 41 anni), Ana (psicologa, 42 anni) e Ferran (quasi 2 anni). Sono diventati a famiglia nomade per un anno. L'Europa è la tua destinazione. Il suo e viaggiando in camper in Europa. Il più curioso! Rendere paella lungo la strada. 

Finora il suo percorso è stato attraverso la Spagna meridionale e il Portogallo (Algarve, Costa Vicentina, Lisbona e Alentejo). Quindi attraversarono la penisola fino a San Sebastián e visitarono la Francia (Bayonne, Dordogna, Bretagna, Normandia, Alsazia, Borgogna, Provenza e Occitania).

Lì trascorsero alcuni giorni a casa per visitare i parenti e proseguirono in Costa Brava, Costa Bermeja, Costa Azul, in Italia, fino a Sanremo. Poi hanno preso la rotta per Mont Blanc, Svizzera, Germania, Foresta Nera, Lussemburgo, Belgio (Gand e Bruges e la costa).

Sei già in Inghilterra. Dove sei stato prima?

In effetti, ora siamo in Inghilterra in cerca di lavoro per recuperare finanziariamente. Poi una famiglia ci aspetta per fare un "Workaway" (lavori in cambio di vitto e alloggio). È il nostro modo di viaggiare in camper in Europa.

Quando e perché colpisci la strada?

Noi due avevamo già parlato molte volte dell'assurdità di vivere in a ruota del consumatore, lavoro e fatture con pochissimo tempo per ciò che conta.

A ciò si è aggiunta la stanchezza nella mia professione, che ha compiuto 40 anni ed è solo un genitore. Un intero cocktail che ci ha spinto a cercare una vita più piena.

Hai lasciato il tuo lavoro ...

I due eravamo autonomi. Ho chiuso il mio studio fotografico con un gran numero di clienti e un prestigio acquisito in 12 anni. Ana ha lasciato la sua pratica come psicologa in un centro sanitario per dedicarsi alla crescita di Ferran, sentendo che era incompatibile crescere e riconciliarsi con il lavoro.

Ana vuole trovare quell'equilibrio, vedere come lo fanno in altri paesi ... lo crede è normale lasciare ai bambini molte ore negli asili nido o con i nonni E ciò di cui i bambini hanno bisogno, specialmente i primi anni, sono la madre e il padre. Una società che ci costringe a perdere l'infanzia dei nostri figli non può essere un buon posto per vivere felici.

Cosa hai fatto con la casa in cui hai vissuto?

Era una casa in affitto. L'abbiamo svuotato, venduto quello che potevamo in un mercato dell'usato e, il resto, l'abbiamo immagazzinato nello studio fotografico.

Questo passaggio ci ha fatto riflettere sul numero di oggetti che accumuliamo e di cui non abbiamo davvero bisogno. Oggi operiamo con ciò che si adatta alla roulotte, Il 10% di ciò che avevamo in casa nostra, E abbiamo anche molte cose!

 

Qual è la parte più difficile del tuo percorso?

Nella nostra esperienza di viaggio in camper in Europa, la cosa più difficile è l'incertezza economica. Europa è un continente costoso e ha fatto saltare in aria il nostro budget. Non sapere cosa accadrà quando finiranno i soldi è sempre lì. Non possiamo praticamente goderci la gastronomia locale.

I ristoranti sono fuori dal nostro budget. Mangiamo quasi sempre nella roulotte. Ricorriamo molto raramente all'offerta turistica, concerti, gite in barca, sport d'avventura, tutto ciò che paga, vai ...

Come gestite le finanze familiari durante il viaggio?

Al momento continuiamo a tirare risparmi. Le nostre spese principali sono cibo e carburante, alle quali assegniamo l'85% del budget. abbiamo due progetti per finanziarci. La prima cosa che abbiamo pensato è stata "Paella Mundi".

L'idea era quella di cucinare e insegnare come preparare le paella lungo il percorso e ci siamo allenati per questo. Non siamo ancora stati in grado di avviarlo perché ogni paese lavora con un diverso sistema di cottura a gas e non rimaniamo abbastanza a lungo per ripagare l'investimento. In Inghilterra vorremmo provare.

Inoltre abbiamo anche realizzato blocchi per appunti artigianali e cartoline con le fotografie di Sergio. Li vendiamo online, in un negozio di cartoleria nella città di provenienza e nelle aree in cui alloggiamo.

Abbiamo allestito il nostro stand con il materiale. Va detto che, al momento, non stiamo riscuotendo molto successo nonostante quanto sia meraviglioso il prodotto. Fatto a mano e riciclato al 100%.

5 ottimi consigli a basso costo per viaggiare in Europa

Molto utile per le famiglie che viaggiano!

1

Fare rifornimento nei supermercati.

2

Se possibile, utilizzare aree di riempimento e svuotamento gratuite.

3

Pernottamento in luoghi liberi.

4

Fai scorta di cibo prima di entrare in paesi costosi come la Svizzera o la Francia. Italia e Germania hanno prezzi simili ai nostri.

5

Cucinare sempre nel camper.

Qual è stata la tua prima esperienza prima di viaggiare in camper in Europa?

Questo è il nostro primo viaggio. Abbiamo iniziato il 1 marzo 2019. I primi 15 giorni sono stati tremenda.

Una città speciale per te ...

Le Mont Saint-Michel in Normandia. È scioccante, è magico, è diverso.

Se andassi agli X Factor, quale canzone canteresti?

 "City of Stars" dal film La La Land. Sia al piano che nel film.

Il tuo aneddoto di viaggio migliore ...

È successo in un lago. Ferran aveva un anno e mezzo e stava lanciando pietre sulla riva. Il ragazzo non aveva ancora molta stabilità e in uno dei set andò dietro la pietra. È finito in acqua! Ana si lanciò immediatamente. Tutto era in uno spavento divertente!

Che furgone / camper hai adesso? Le sue due migliori caratteristiche?

Abbiamo una Fiat Ducato 3100 Viva del 92. La migliore, la sua luminosità interna e motore resistente.

Se potessi inventare il furgone 10 del futuro, come sarebbe?

Il nostro camper 10 deve avere una piscina sul tetto, vetro in modo da poter vedere l'acqua dall'interno. Essenziale!.

Più cose: letto fisso che non deve essere montato e smontato tutti i giorni, spazio per il soggiorno, connessione internet, ampia cucina, doccia separata, serbatoio dell'acqua infinita, potti autopulenti e un'area giochi per Ferran. Con questo ci accontentiamo!

Cosa ne pensi dell'esperienza di questa famiglia?

Seguili su Instagram @sergiosanchezpuerto

Condividi la tua opinione!

Esplora altre storie!

Questa voce ha 8 commenti

  1. Elvira

    È impressionante quello che fa questa famiglia, la verità è che ho bilanciato il positivo e il negativo nella vita e ho guadagnato il positivo se pensiamo e analizziamo. Non ci piace quello che abbiamo perché non abbiamo tempo con il lavoro e poi con la casa ei bambini…. Quando ti rendi conto che il tuo tempo è passato… .. lo vedo grande e il piccolo .. Cresce come persona e impara altre usanze da altri paesi è incredibile…. Un modo di vivere imbattibile. Congratulazioni ... Famiglia ..
    Vivi, divertiti e sii felice ... È la cosa più importante in questa vita ... Continua a goderti la vita ... I viaggiatori di tutto il mondo ti amano moltissimo ....... Un abbraccio

    1. Jose Coy

      Incredibile è piccolo. Sono audaci, avventurosi e coraggiosi. Persone come questa ci danno le ali, ci ispira. Chissà se un giorno elimineremo le paure e ci avventureremo in qualcosa del genere. Grazie a Sergio e Ana, abbiamo ripensato a mille cose. Famiglie in viaggio che ne valgono sicuramente la pena.

    2. Kari

      Caro, vengo dall'Uruguay e sono interessato a un viaggio in camper in Europa. Vorrei contattarti per chiedere alcuni consigli di viaggio.

      grazie

      1. Pilar Avila

        Buongiorno Kari, che bella notizia questo viaggio in Europa! Adoriamo contattarci per aiutarti. Prima di tutto, tutto ciò che devi sapere per viaggiare in camper in Europa a livello legale, di app che ti aiuteranno a trovare posti per dormire, tra le altre cose di cui avrai bisogno, troverai nel manuale per viaggiare in camper che abbiamo scritto gratuitamente: https://www.kucavana.es/viajar-en-autocaravana/
        D'altra parte, sulla rotta che vorremmo consigliarti, abbiamo già viaggiato quasi tutta l'Europa in un camper e prima in un furgone, quindi sarà un piacere. Dovrai dirci dove noleggi il camper e quanti giorni hai, oltre ai tuoi gusti o se viaggi con bambini, così potremmo aiutarti meglio. Vi lascio la nostra email [email protected] con chi contattarci meglio. Un abbraccio dalla Spagna!

  2. La cosa migliore è che hai fatto il viaggio in chiave di viaggiatori anziché di turisti. Sembra lo stesso ma è una questione di sfumature

    invece dei turisti. Questione di sfumature

    1. Pilar Avila

      Completamente d'accordo! viaggiatori totali, niente turisti

  3. Gonzalo

    Buongiorno e continua a divertirti al massimo

    1. Famiglia Kucavanera

      Grazie Gonzalo da parte loro 🙂

Lascia una risposta