In questo momento stai vedendo gli interni di Tarragona in un camper o furgone degli youtuber DreamTravelDream

Interni di Tarragona in camper o furgone di DreamTravelDream youtuber

Scopri un fantastico viaggio attraverso l'interno di Tarragona in un camper. Ti sorprenderà! 

Informazioni su DreamTravelDream

Una coppia che sogna di viaggiare e continua a sognare. Mercè e Xavier Ci mostrano angoli del mondo attraverso i loro video in catalano e sempre con sottotitoli in spagnolo.

Interno di Tarragona in camper o furgone di YouTube DreamTravelDream

Fuga nell'entroterra di Tarragona in camper

Una delle cose che ci piacciono di più viaggiare in camper è che ci sta permettendo di scoprire alcuni luoghi che, altrimenti, non avremmo mai visitato. Inoltre, le restrizioni di questa era COVID-19 ci costringono a fare viaggi più brevi e più locali, ma ci stanno dando scoperte gradite. Ed è che non sempre devi fare 500 chilometri per trovare posti indimenticabili.

Il percorso

Stabiliamo come "campo base" il Area 340, a Roda de Barà (Tarragona). Si tratta di una zona riservata, dotata di tutti i servizi e molto ben collegata. Ciò significa che sostanzialmente faremo percorsi ad anello, con partenza e arrivo nello stesso punto. Ci sposteremo principalmente attraverso la regione di Tarragonès, anche se faremo una piccola incursione ad Alt Camp, entrambi nella provincia di Tarragona.

Sebbene Tarragona sia famosa per le sue numerose spiagge fantastiche, ideali per andare con i bambini, l'interno presenta gioielli architettonici di prim'ordine.

La nostra proposta

Ecco la nostra proposta di fuga:

1 ° giorno: escursionismo

Dall'Area 340 abbiamo un paio di percorsi escursionistici molto interessanti. Se ci avviciniamo al lungomare (a soli 300 metri dalla zona), troveremo una comoda passeggiata, che d'estate si riempie di bancarelle itineranti: bracciali, parei, occhiali, asciugamani, borse... Puoi trovare mille e uno tesori .

Dirigendosi a nord e collegandosi con il Strada di Ronda alla fine della passeggiata, abbiamo raggiunto il Roc de Sant Gaieta. È una piccola urbanizzazione con case di stili diversi: un patio andaluso, un edificio con reminiscenze arabe, una casa in stile castigliano ... In totale sono 2,2 chilometri solo andata e altrettanti indietro, ma quando si va vicino alla spiaggia non diventa pesante.

Il Roc de Sant Gaietà

Dirigendosi verso sud, sempre dallo stesso lungomare, troviamo una lunga spiaggia molto adatta alle passeggiate. C'è anche la possibilità di percorrere il lungomare, costeggiando i diversi edifici che si trovano sulla spiaggia e attraversando zone di grande valore ecologico. Abbiamo fatto questo percorso un paio di volte in bicicletta, in quanto è molto pianeggiante e non presenta difficoltà.

Giorno 2 - Percorso Modernista (82 km)

Quando si sente la parola "Modernismo", vengono in mente le grandi opere più famose: i disegni di Antonio Gaudí, Puig i Cadafalch o Domènec i Muntaner. Ma c'è davvero molto più modernismo delle grandi opere e lo abbiamo scoperto in questa fuga.

Abbiamo scoperto il file Cattedrali del vino de Cesar Martinell, cantine e cooperative costruite sulla base di alte catenarie e “volta catalana”, in mattoni a vista e con bellissimi mosaici. Cesar Martinell ha progettato 40 edifici di questo tipo. Nella popolazione di nulli puoi visitarne uno, il Azienda vinicola Adernats, che offre diverse esperienze: visite in cantina, percorso tra i vigneti, degustazioni, ecc. L'edificio del municipio Solomo e la Brafim sono anche opere dello stesso architetto.

Cantine Adernats (Nulles)

Ma se c'è un edificio che ti lascerà a bocca aperta, è, senza esitazione, il Santuario della Vergine di Montserrat en Monferri. Questo Santuario è stato progettato dall'architetto Josep Maria Jujol, un discepolo di Antonio Gaudí, e la sua influenza è molto chiara, poiché l'edificio è anche conosciuto come la piccola sacra famiglia.

Josep Maria Jujol è anche il Tempio del Sacro Cuore a Vistabella. Qualcosa di più semplice del precedente Sanctuary, in apparenza, ma ricco di dettagli che lo rendono unico. Inoltre, entrambi gli edifici furono interamente progettati da lui, ma la costruzione fu di responsabilità rispettivamente degli abitanti di Montferri e Vistabella.

Oltre a questi due edifici, Jujol è stato l'architetto di varie ricostruzioni e edifici civili. Possiamo trovare le sue opere a Roda de Berà (chiesa parrocchiale e casa di Mas Carreras), Creixell (chiesa parrocchiale), Bonastre (chiesa di Santa Magdalena) o nella città di ElsPallaresos (casa Bofarull e casa Andreu Fortuny).

Visite

Entrambi Santuario della Vergine di Montserrat, a Montferri, come il Casa BofarullA ElsPallaresos, sono aperti al pubblico, anche se devi pagare per entrare. Consulta gli orari di visita sui siti:

  • Azienda vinicola Adernats
  • Santuario della Vergine di Montserrat
  • Casa Bofarull

Abbiamo potuto visitare i centri di culto solo quando ha coinciso con la celebrazione della messa settimanale.

itinerario

L'itinerario proposto copre una distanza totale di 82 chilometri che lo attraversa strade provinciali in buone condizioni e colture tipicamente mediterranee: ulivi, mandorli e vigneti, molti vigneti.

Partendo dall'Area 340, andremo a Roda de Berà, Bonastre, Montferri, Bràfim, Nulles, Vistabella, ElsPallaresos, Creixell e ci ritroveremo, di nuovo, nell'Area 340:

Itinerario modernista

Giorno 3 - Percorso medievale (62 km)

Per questa terza giornata proponiamo un percorso attraverso le più caratteristiche architetture medievali: monasteri e castelli. Ed è che la provincia di Tarragona ospita tre capolavori dell'architettura monastica del Medioevo: il Monastero Reale di Poblet, il Monastero di Santa María de les Monges de Vallbona e il Monastero Reale di SantesCreus. Inoltre, i dintorni del fiume Gaià costituivano, nel X e XI secolo, l'area di confine tra Al-Andalus e la Contea di Barcellona, ​​​​quindi c'è una grande densità di fortezze ed edifici simili.

Per quest'ultimo giorno vi suggeriamo di iniziare la giornata visitando il Monastero Reale di SantesCreus. Attualmente la visita viene effettuata con un'audioguida, che sarà fornita in biglietteria. È un gruppo di edifici che fanno parte del Itinerario cistercense, con un grande chiostro di stile prevalentemente gotico, un ulteriore chiostro di epoca più moderna, una chiesa e gli ambienti tipici di qualsiasi monastero: il refettorio, la sala capitolare, la biblioteca, la cucina, ecc.

Interni Tarragona in camper

Monastero reale di SantesCreus

Nonostante abbiamo fatto una visita espressa in meno di un'ora (il tempo che avevamo prima della chiusura), vale la pena dedicare più tempo e godersi i capitelli del chiostro, per me la zona più spettacolare, e passeggiare tranquillamente per il resto delle strutture .

Da lì possiamo dirigerci verso El Catllar, ma lungo il percorso ci sono un paio di fermate "obbligatorie":

Un museo a cielo aperto

Nel comune di Vespella di Gaià, con poco più di 200 abitanti fuori stagione, possiamo visitare il Museo delle installazioni artistiche. È un museo a cielo aperto, dove non dovremo preoccuparci se è aperto o chiuso, con grandi sculture di arte contemporanea che delizieranno i più piccoli in ogni casa. Inoltre, possiamo anche andare al vecchio castello, o ciò che ne resta, la cappella romanica di Sant Miquel.

Successivamente, ci fermeremo a Il Nou de Gaià, uno dei comuni più piccoli -in estensione- del Tarragonés, dove possiamo passeggiare per le sue strade acciottolate e raggiungere il belvedere, da dove contempleremo suggestivi panorami della regione. Il castello è stata trasformata in una struttura sociale e culturale. 

Punto di vista a La Nou de Gaià

E finiremo la giornata Il Catllaro, cittadina situata vicino a un meandro del fiume Gaià, su un poggio coronato dal castello di El Catllar.

Questo castello ha le sue origini in epoca musulmana e, come di consueto, ha subito vari adattamenti e ricostruzioni. Attualmente è un centro di interpretazione dei castelli di Bajo Gaià.

Castello di El Catllar

Visite

  • Monastero reale di SantesCreus
  • Vespella di Gaià  
  • Il Nou de Gaià  
  • Castello di El Catllar 

itinerario

La prima parte dell'itinerario si snoda lungo la stessa strada regionale per Montferri. Da SantesCreus e fino a El Catllar seguiremo senza problemi le indicazioni del browser.

Itinerario Medievale

Dove mangiare

Le restrizioni all'apertura di bar e ristoranti ci hanno impedito di provare la gastronomia locale come avremmo voluto, ma abbiamo avuto più fortuna nella cittadina di SantesCreus, dove abbiamo mangiato un abbondante e delizioso menù fatto in casa al Ristorante Catalunya, e per soli 12 €. Ecco qua il suo sito web.

Pernottamento con camper

  • Area 340 (Roda de Barà) - GPS: 41.166901, 1.456880
  • El Catllar RV Park - GPS: 41.176701, 1.326920

 

Interni di Tarragona in camper. Non puoi perdertelo!

En il nostro canale Youtube Troverai i video della nostra fuga nella Playlist: Escapadesd'Interior. Ecco il file link a uno di loro.

I video sono stati registrati in catalano e sono sottotitolati in catalano e spagnolo. Ti aspettiamo!

Altri articoli che potrebbero interessarti sui viaggi in camper in Spagna

Questo post ha un commento

  1. Fughe da blogger

    Congratulazioni per questo grande Mercé, sono sicuro che ci sarà di grande utilità quando andremo in giro per quella zona.
    La cosa buona di tutto questo è la grande quantità di informazioni che ci forniamo a vicenda.
    Grazie!

Lascia una risposta