In questo momento stai vedendo Percorso attraverso i castelli catari e le Orgues nel sud della Francia in camper o furgone di @dontworrybecamper
Itinerario dei castelli catari

Attraversa i castelli catari e le Orgues nel sud della Francia in camper o furgone di @dontworrybecamper

Scopri la rotta dei castelli catari in Francia, una rotta dei catari in Francia, più conosciuta e più bella. Un percorso da fare in camper o furgone che ti farà innamorare attraverso il racconto di viaggio di questi grandi avventurieri che sono @dontworrybecamper

Senza dubbio Mari ed Eric sono uno dei nostri instagramer preferiti nel mondo dei camper come coppia. Sono un'incredibile coppia gioviale, vitale, sognatori e grandi fotografi.

Viaggiano nel loro camper in coppia e con i loro due adorabili cani.

Con le loro fotografie e video ci fanno sognare viaggi e fughe sorprendenti, normalmente piene di natura, cultura e soprattutto amore. 

Questa coppia catalana di Osona risuona di sogni, magia e amore, ma soprattutto possiamo dirti che sono persone che ci hanno rubato il cuore e non solo per le loro fotografie. 

Sono una coppia che appena li incontri capisci i loro valori di impegno, responsabilità, umiltà e soprattutto sono persone dal cuore grande.

Senza dubbio una coppia che si innamora.

Inoltre, dovresti sapere che sono anche uno di quelli che condividono i loro percorsi sul loro blog, quindi ti consiglio di seguirli da vicino in https://dontworrybecamper.blog/

Nel tuo profilo instagram noi ispirare e ci fanno sognare mete bellissime. Per me sono uno di quegli instagramer che senza dubbio aggiungono valore con le loro pubblicazioni, quindi Non esitare a seguirli! Che cosa state aspettando?

Il percorso dei castelli catari

La storia dei Catari e dei castelli catari impropriamente chiamati

In questo percorso attraversiamo i cosiddetti "castelli catari", vedrete perché, una zona nel sud della Francia, vicino alla Catalogna. Situato in una regione del dipartimento dei Pirenei orientali e dell'Aude.

In realtà, la maggior parte dei castelli catari non sono castelli in quanto tali, ma sono fortezze costruite sulle montagne delle Corbières, dopo la fine delle guerre civili e religiose del XIII secolo. Solo alcuni furono assediati durante alcune delle crociate dai nobili che sostenevano il Catarismo, ma non tutti. Al termine di quel conflitto, il nuovo potere apparteneva al Re di Francia che, per difendere la zona dai vicini catalano-aragonesi, rinforzò il territorio con una serie di fortezze preesistenti, nelle montagne delle Corbières. Questa è la vera ragione dell'esistenza di queste fortezze.

Ma è già noto che il mito cataro, il mito di Montsegur, suona meglio a molte persone oggi, motivo per cui, in un atto di ignoranza e mitologia, questa corrente religiosa catara viene associata ai castelli di questa zona.

Il mito cataro: la verità

La realtà del mito cataro si riduce alla mera lotta per il potere di diverse entità politiche nel Medioevo che approfittavano della religione per costituire una buona scusa per lottare per il potere.

L '"eresia" catara non era che una variante tra le biforcazioni del cristianesimo medievale. Il catarismo era una risposta all'usura e all'arricchimento della nobiltà e del clero, ma conteneva in sé tratti puritani cristiani e un misticismo totalmente settario. Tutto molto lontano dall'idealizzazione semplicistica di molti neocatari attuali. È la verità

I castelli che compongono il percorso dei castelli catari in Francia

 Questi castelli, in realtà fortezze difensive che proteggevano il confine con l'Aragona e poi la Spagna, sono cinque che vengono considerati sulla rotta dei Castelli Catari.

In totale questi 5 sono:

  • Il castello di Aguilar;
  • Castello di Peyrepertuse
  • Castello di Puilaurens
  • Castello di Quéribus  
  • Castello di Termes

Le 5 sono fortezze difensive che proteggevano il confine meridionale del regno di Francia prima dall'Aragona e poi dalla Spagna. Fino a quando nel 1659 la firma della pace dei Pirenei cedette Roussillon e Cerdanya alla Francia e trasferì il confine franco-spagnolo sulla cresta dei Pirenei.

Posizione dei castelli catari

I cinque castelli si trovano nel triangolo formato da Perpignan, Narbonne e Carcassonne, a 50 km da Perpignan. Da Barcellona ci vogliono quasi 3 ore in camper o camper (242 km). Continuare sull'autostrada A-9 e uscire a Perpignan.

Tra i 5 castelli c'è poca distanza, dal più lontano da un'estremità all'altra ci saranno circa 30 km, quindi possono essere visitati bene durante una vacanza.

Orari e prezzi dei castelli catari

Tra la fine di ottobre e la metà di marzo i castelli sono chiusi. Possono essere visitati ma non vedrai tutto o il suo interno più attento. La cosa buona di questo periodo è che è gratuito.

Tra marzo e ottobre, il prezzo dei biglietti è di circa € 4 a € 10 per adulto e gratuito per i bambini piccoli, un prezzo ragionevole.

In generale, sono circa le 10 del mattino fino alle 6 del pomeriggio, ma dipende un po 'dal freddo castello che visiti.

Il nostro percorso in questa fuga lungo la rotta dei catari (Francia)

Il nostro percorso attraverso 4 destinazioni nei castelli catari in Francia

1 LES ORGUES D'ILLES SUR TET, LA MINI CAPPADOCIA FRANCESE O IL MINI BRYCE CANYON FRANCESE

Iniziamo il percorso con una delle grandi scoperte del 2019, le Orgues D'Ille Sur Tet, prendi nota di questo sito, ed è che, questo tipo di Bryce Canyon su piccola scala, è un posto davvero sorprendente.

Non avevamo mai sentito parlare di questo posto e siamo rimasti piacevolmente sorpresi.

 

Le Orgue sono formazioni rocciose di sabbia, che cambiano continuamente e cadono a pezzi con l'erosione del vento e della pioggia. Ci è piaciuto moltissimo!

Dispone inoltre di un parcheggio per pernottare proprio all'ingresso e l'accesso costa € 4,50 a persona.

A proposito, da lì avrai un'incredibile vista panoramica sul Canigó! 

 

2 CASTELLO CATARO DI QUERIBUS

Continuiamo il percorso verso nord, la tappa successiva è uno dei castelli più emblematici del percorso dei castelli catari, il Castello di Quéribus.

Questo castello appartenne ai conti di Barcellona, ​​al re di Aragona e dal XIII secolo al re di Francia. Alcuni Catari vi soggiornarono durante le Crociate all'inizio del XIII secolo ma non subì attacchi, si trova sopra l'abitato di Cucugnan.

Un piccolo ma imponente castello, imponente e diverso. Situato in cima a una collina a 728 metri di altitudine, è il nostro preferito fino ad oggi.

Facilmente accessibile, visitabile all'interno in estate, è in ottimo stato conservativo e il panorama che si gode da esso è una vera meraviglia!

L'ingresso costa 7 euro a persona e in questo caso potete anche pernottare nello stesso parcheggio di accesso, ovviamente fate attenzione al vento, in quella zona soffia molto forte! 

 Continuiamo!

3 IL PREZIOSO VILLAGGIO DI CUCUGNAN

Sulla strada per un altro di questi imponenti castelli, troviamo una sorpresa lungo il percorso, un piccolo paese chiamato Cucugnan, che merita sicuramente una sosta per il suo fascino. Da esso, avrai una vista sul castello di Quéribus e anche sul castello di Peyrepertuse. Inoltre potrete visitare il piccolo e suggestivo mulino a vento situato nel cuore del paese e provare anche uno dei deliziosi dolci della pasticceria del paese. 

4 CASTELLO CATARO DI PEYREPERTUSE

Andiamo all'imponente castello di Peyrepertuse, noto anche come “La cittadella delle vertigini”.

Si trova a 7 chilometri dal castello Quéribus. Imponente e molto più grande del precedente, è costruito su una cresta lunga 400 m poggiante sul substrato roccioso.

Si trova nella zona di confine e in passato apparteneva ai conti di Besalú, poi al conte di Barcellona e poi ai re di Aragona. Fu nel 1240 che entrò nel dominio del re di Francia. Da quel momento il castello divenne importante come baluardo di confine.

 

Si accede dallo stesso parcheggio tramite un sentiero di 20 minuti, l'ingresso costa 7 € a persona. 

Si può pernottare nella zona camper situata nel villaggio di Dulhac-Sous Peyrepertuse, a pochi chilometri dal castello, è gratuita, molto tranquilla, dispone di wc e di svuotamento e riempimento d'acqua. 

Fine del percorso

Quindi ora sai, se stai cercando un percorso breve, bello e diverso per il 2021 ... questa potrebbe essere un'ottima opzione!

Viaggia in camper o in camper

Blog

Accedi agli articoli e ai contenuti del nostro blog.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Nordkapp in camper o camper

Non perderti niente

Ricevi ogni venerdì, gratuitamente, nella tua email tutte le notizie dal nostro blog.

Bollettino

Fare clic per votare questa voce!
(Voti: 1 Media: 5)

Lascia una risposta