Itinerario oltre i tipici Balcani: Montenegro, Bosnia ed Erzegovina di @on_y_van
Montenegro e Bosnia ed Erzegovina in camper

Itinerario oltre i tipici Balcani: Montenegro, Bosnia ed Erzegovina di @on_y_van

[Totale: 1   Media: 5/ 5]

Scopri i Balcani in camper, con l'aiuto degli instagrammer @on_y_van. Un viaggio che ti farà innamorare attraverso il racconto di viaggio nel luogo dei contrasti europei del Montenegro, Bosnia ed Erzegovina.

Senza dubbio siamo molto fan della famiglia @on_y_van. Isaac, il grande fotografo, Finny, il sognatore di famiglia, ei loro due affascinanti piccoli, sono alcuni dei nostri instagramer preferiti nel mondo del caravan e del camper. Anche se dobbiamo essere onesti, e non siamo solo fan, ma per noi sono grandi amici, complici di avventure, risate e giochi. Si definiscono come una famiglia in procinto di scoprire il mondo. Ma la realtà è che hanno già scoperto più della metà del mondo. Viaggiatori insaziabili, grandi avventurieri e con un senso dell'umorismo che li contraddistingue, questa famiglia oggi ci accompagna attraverso i loro grandi viaggi. Inoltre, se ti piace imparare il francese, non perdere il loro profilo Instagram dove non solo scrivono in spagnolo ma traducono anche tutto in francese. 

Con le loro pubblicazioni aiutano a pianificare e decidere percorsi e viaggi. Per me sono uno di quegli instagramer che senza dubbio aggiungono valore con le loro pubblicazioni, quindi non esitate a seguirli! Che cosa state aspettando?

In questo post @on_y_van condivide il percorso e le migliori destinazioni in Bosnia ed Erzegovina e Montenegro in camper. Percorso che @on_y_van ti racconta in dettaglio anche nel suo profilo instagram.

A rVisita i Balcani in un camper della durata di un mese dove hanno scoperto Croazia, Slovenia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro.

Qui spiegano il loro destinazioni preferite nei Balcani. Non ti parleranno della Croazia o della Slovenia, destinazioni che considerano più turistiche e tipiche, ma ti parleranno di due paesi un po 'meno usuali e molto più rivoluzionari di schemi culturali:

Il Montenegro, la Bosnia ed Erzegovina in camper o in camper ti aspettano!

Ma anche se vuoi scoprire bene tutte le mete di questo viaggio che hanno fatto nel 2019, scopri il loro canale YouTube e guarda i loro video.

BOSNIA ED ERZEGOVINA IN CAMPER

Prima di raccontare il viaggio, dovresti conoscere il meno della Bosnia in camper.

 Pernottamento in Bosnia in camper

Il campeggio libero è vietato ma né parcheggiare né pernottare sono perseguitati, anche se per il prezzo dei campeggi puoi dormire nei campeggi senza problemi con il tuo camper o camper. Nelle grandi città, fai attenzione al pericolo di furto.

 

Strade, benzina e GPS

Anche le strade, senza essere orribili, non sono buone, tranne che per un pezzo di autostrada che da Sarajevo ti porta nei pressi di Visoko, il sito delle piramidi bosniache.

Devi mantenere scrupolosamente i limiti di velocità indicati perché ci sono poliziotti che cacciano e catturano chiunque si perda e passi qualche miglio in più sull'acceleratore.

Infine, da tenere a mente è che la mappatura GPS nel paese non è molto buona.

Il diesel costa poco. Quello di cui dovresti essere consapevole è che a volte non puoi pagare con carta.

Valuta, prezzi e pagamento con carta

L'euro è accettato in tutte le località turistiche senza problemi, anche se la moneta ufficiale è il marco.

In alcuni posti puoi pagare con la carta, ma in altri no e devi anticiparlo.
Ci sono bancomat in molti posti, ma le commissioni sono molto alte.

Cibo e ristoranti sono abbastanza economici.

Devi stare molto attento con i borseggiatori, soprattutto nei trasporti pubblici.

Cultura

È abitato da musulmani, croati, serbi, cristiani ortodossi e zingari, e alcuni ebrei ladini, da coloro che sono fuggiti quando i monarchi cattolici li hanno espulsi e sono stati
si stabilirono qui.
Gli edifici non sono così danneggiati dalle devastazioni della guerra come si dice, anche se evidentemente ci sono ancora vestigia della guerra. E stai attento, perché è il paese europeo più minato e devi stare attento.

Geografia politica

La Bosnia è divisa in due entità: la Federazione di Bosnia ed Erzegovina e la Repubblica SRPSKA. Questo è stato stabilito nel trattato di Dayton del 1995. La Bosnia è divisa in cantoni e
SRPSKA, nelle province. Entrambi hanno Sarajevo come capitale ma, ufficiosamente, la Repubblica favorisce Banja Luka.

Mostar sulla rotta attraverso i Balcani in camper
Mostar sulla rotta attraverso i Balcani in camper

MOSTAR, LA NOSTRA DESTINAZIONE PREFERITA DEL VIAGGIO IN BOSNIA IN CAMPER

Quel solletico allo stomaco, voi viaggiatori sapete di cosa stiamo parlando, che ci mancava da tanto tempo, l'abbiamo ritrovato a Mostar.

Ed è che aumentare la zona di comfort rende quella sensazione sempre più difficile da provare. Vivi l'avventura di scoprire, imparare da altre culture, entrare in empatia con un mondo che non conosci ma che è anche tuo. Quindi mettere piede in una città che abbiamo trovato diversa ci ha fatto ripensare ai nostri prossimi viaggi.

Conosci Mostar

La la vita a Mostar ruota attorno al suo ponte, simbolo della città e origine del suo nome, "Most" significa ponte. Ecco perché durante la guerra balcanica fu bersaglio dell'esercito popolare jugoslavo che lo distrusse insieme a centinaia di altri tesori storici, per non parlare del costo umano.

Le tracce di guerra sono ancora presenti in città, ma sono nascosti da un presente pieno di vita.

Il turismo riempie le sue strade e le tasche dei locali. suo arte, gastronomia, festival musicali… Crediamo ci siano mille motivi per visitarlo. Abbiamo adorato Mostar, è la città in cui vive contrasto, il perizoma e il burkini si mescolano sulle rive della Neretva, sugli altoparlanti dei bar Maluma tace per cedere il passo alla chiamata alla preghiera e torna al suo “perreo” quando i fedeli lo possono dare per scontato.

La città ha l'atmosfera unica che i luoghi che hanno un piede tra est e ovestGli edifici ottomani ti portano in un passato remoto mentre gli edifici che perdono ti trasportano in uno più recente le cui cicatrici sono ancora molto visibili.

Dalle rive del fiume lo spettacolo è messo in scena dai saltatori che aspettano di avere i berretti pieni di monete per saltare giù dal ponte. Quello che oggi non è altro che intrattenimento per i turisti era un tempo il rito con cui i ragazzi della città si facevano uomini.

Pernottamento a Mostar in camper

a dormire a Mostar con il camper consigliamo il Area camper Jusovina, Non è economico o spettacolare ma il trattamento è molto buono e oltre a un bagno e una doccia molto puliti si può godere di una vista spettacolare dalla sua terrazza ed è 5 minuti a piedi dalla città.

MONTENEGRO IN CAMPER

Prima di tutto, dovresti sapere che il Montenegro è un paese senza molti problemi per camper o camper. 

È un paese che è costato molto di più per tornare dopo la guerra rispetto ai suoi vicini in Croazia o Slovenia, quindi vedrai alcuni contrasti.

Pernottamento in Montenegro in camper

In Montenegro non è vietato pernottare in camper e parcheggiare, ma il campeggio è gratuito. Sono tanti i posti dove parcheggiare e passare la notte senza problemi. Ma nelle grandi città, fai attenzione al pericolo di furto.

Inoltre, ci sono molti campeggi in Montenegro e in realtà sono più economici della media europea. Per € 20 uro puoi dormire in un ottimo campeggio essendo 4.

Valuta del Montenegro in camper

Dovresti sapere che il Montenegro non è dell'Unione Europea, sebbene sia dell'Unione economica europea, quindi lavorano con l'euro e non avrai più complicazioni.

KOTOR IN CAMPER

Ci siamo resi conto di quanto poco sapessimo del Montenegro nel momento in cui ci abbiamo messo piede.

Nella nostra testa arrivavano immagini di paesi comunisti che facevano parte dell'ex Jugoslavia, con poco turismo, ma no, niente da vedere.

Non c'è niente come viaggiare per conoscere la realtà! Perché ci nutriamo di pregiudizi e abbiamo un'immagine distorta del mondo.

nostro prima tappa in Montenegro, Kotor. Immerso nel Bocas Bay, sulle rive dell'incredibile fiordo, Kotor è sorprendente, tanto che l'hanno chiamato Patrimonio Mondiale.

La città si trova su un antico cratere distrutto ed è totalmente murata.

Nel corso della sua storia è passato di mano in mano, ma veneziani e austro-ungarici sono stati gli imperi che più lo hanno influenzato.

In tempi moderni Kotor faceva parte della Jugoslavia fino a quando finalmente dal 2006 fa parte del Montenegro. Diremmo è la sua città più turistica insieme a Budva, quindi vieni entusiasta di far parte del turismo di massa se non esci fuori stagione.

BUDVA IN CAMPER

Qui Cadmo trovò rifugio, amò l'armonia e raggiunse la tranquillità perduta a Tebe.

Budva è così antico come le sue leggende. Anche se quando vedi il suo profilo ritagliato sulla spiaggia la prima cosa che ti viene in mente è lei Patrimonio veneziano.

Oggi il suo centro storico è un groviglio di viuzze e piazze adibite a ristoranti e negozi, un bellissimo centro commerciale per le migliaia di turisti che inondano spiagge e la sua zona moderna.

In alta stagione è pieno e il suo traffico è folle quindi abbiate pazienza e cogliete l'occasione per provare la specialità dei Balcani, la burek, che si tratti di spinaci, formaggio o carne.

Budva sulla rotta attraverso i Balcani in camper
Budva sulla rotta attraverso i Balcani in camper

IL LAGO DI SKADAR IN CAMPER

Qui è dove abbiamo trovato il file Il Montenegro più autentico e dove abbiamo potuto raccogliere consigli dalla gente del posto per una prossima visita nel paese, cosa che faremo di sicuro.

Le rive del lago di Scutari sono divise tra il Montenegro e l'Albania, è terzo in Europa e ha alcune curiose formazioni chiamate "Oko" (occhi) che raggiungono una profondità di 112 m.

Skadar è un grande parco nazionale protetto, habitat di centinaia di specie, alcune in pericolo di estinzione, che condividono e condividono questa incredibile enclave con gli esseri umani per millenni.

Il lago ha piccole isole in cui gli scribi, monaci dediti alla copia di libri nel Medioevo, vivevano in monasteri vicino all'acqua.

Siamo entrati nel lago attraverso il paese di Virpazar noto per la sua resistenza contro i nazisti nella seconda guerra mondiale.

Da lì puoi scegliere l'escursione più adatta a te, lingua compresa, da una qualsiasi delle bancarelle che fiancheggiano il corso principale. Nel nostro caso ne abbiamo assunto uno in cui come sorpresa in più ci hanno regalato vino e dolci fatti in casa della zona, ci hanno addirittura fatto saltare dalla barca. Non puoi immaginare la sensazione di nuotarci dentro, i più piccoli la ricordano ancora! 

 

Facci sapere che quando pensi ai Balcani, ti vengono in mente solo le spiagge croate e le montagne della Slovenia, sapendo che c'è ancora molto da scoprire. Continueremo a farlo!

ALTRI POSTI PER COMPLETARE IL TUO VIAGGIO ATTRAVERSO I BALCANI

Lascia una risposta