Stai visualizzando Il nostro percorso attraverso 23 luoghi essenziali da vedere in Grecia
Gerolimenas, uno dei borghi più belli della penisola di Mani in Grecia

Il nostro itinerario attraverso 23 luoghi essenziali da vedere in Grecia

Successivamente, ti mostriamo il nostro percorso e le nostre destinazioni preferite, luoghi imperdibili da vedere in Grecia. Con la spiegazione di ognuno con tutta la nostra esperienza e i nostri consigli.

L'elenco delle destinazioni che ti mostriamo di seguito è cronologicamente ordinato proprio come abbiamo fatto durante il nostro viaggio attraverso la Grecia in camper. Il punto di partenza è Patrasso, nel sud della Grecia, nel Peloponneso, dove arriviamo in traghetto da Ancona, in Italia, e il punto di partenza dalla Grecia è Iogumenitsa, da dove prendiamo un traghetto per tornare ad Ancona.

UN CONSIGLIO: Per la salute in viaggio noleggiamo Iati Escapadas, che è il migliore per viaggiare attraverso l'Europa in camper. assicurazione di viaggio, poiché oltre alla salute comprende anche cose extra per il camper che altre assicurazioni non hanno, come ad esempio il furto all'interno del camper, che nemmeno l'assicurazione del veicolo stessa comprende. E include anche un incidente che coinvolge il tuo animale domestico se hai un cane nel tuo camper come noi.

In questo caso, se vuoi noleggiarlo, ti lascio uno sconto del 5% sugli Iati Getaways che ti verrà applicato al termine accedendo al link sottostante.

Puoi vedere come viaggiare in Grecia in camper in questo articolo completooppure, dove spieghiamo il meglio e il peggio del nostro viaggio, le spese e tutto quello che c'è da sapere prima di andare in Grecia in camper o camper come noi.

E se quello che ti interessa sono i monumenti, hai questo articolo con i 13 migliori monumenti da vedere in Grecia.

Il nostro servizio di percorso personalizzato per te

Delle 23 destinazioni visitate, le nostre 16 cose essenziali da vedere in Grecia in video

Successivamente, ti mostriamo in un video la nostra selezione delle 16 migliori destinazioni da visitare in Grecia in base alla nostra esperienza e al percorso attraverso 23 luoghi che abbiamo visitato durante un mese in camper.

Tieni presente che le destinazioni nel video sono disposte in ordine cronologico del percorso più ottimale su strada.

Il nostro itinerario completo attraverso 23 spettacolari destinazioni in Grecia

Le paludi del Parco Nazionale di Stofylia

Da Patrasso la nostra prima tappa è sulla costa, a un'ora e poco dal porto di Patrasso una riserva naturale di fronte al mare con saline e dove si trova una delle 9 aree camper con tutti i servizi della Grecia e di fronte alla spiaggia. Un posto bellissimo con spiaggia, natura e persino le mura di un'antica fortezza. Da qui scopriremo che la Grecia è mare, natura selvaggia, fauna e flora e storia ovunque.

Killini, porto delle Isole Ionie

Appena entrando Killini si respira il mare e buon cibo. Killini è una delle nostre destinazioni per essere il porto Da dove partono i traghetti? isole ioniche di Cefalonia, Itaca e Zant

Proprio davanti al porto possiamo parcheggiare e ci hanno fatto passare la notte con il camper, per prendere il traghetto il giorno dopo.

Di fronte ci sono molti ristoranti con terrazze e accanto una spiaggia con grandi amache.

Prima o poi, a 15 minuti dal porto di Kilini, se vogliamo possiamo visitare il Castello di Chlemoutsi, uno dei più importanti castelli del Peloponneso.

Porto di Killini
Porto di Killini

Isola di Cefalonia, uno dei posti da vedere in Grecia

Una volta ho letto in un articolo del National Geographic che se riesci a vedere solo un'isola greca, falla a Cefalonia e non te ne pentirai. Questo mi è rimasto in mente.

Perché Cefalonia

Ma non solo questo è stato ciò che ha segnato la scelta di quest'isola nel nostro viaggio. Non volevamo andare in un'isola che significasse più di 2 ore di viaggio, non volevamo nemmeno le isole più turistiche e famose e volevamo un'isola che offrisse più di semplici spiagge.

Con queste intenzioni siamo andati a Cefalonia. Y Cefalonia non ha deluso, puoi vedere la guida completa che abbiamo realizzato sul blog sui posti migliori cosa vedere a Cefalonia in Grecia.

Sull'isola abbiamo potuto vedere subito che il turismo è più sulle isole che sulla terraferma della Grecia. In generale, dopo il viaggio, possiamo dire che è lì che troviamo di gran lunga più persone e turismo, a parte Atene, Delfi e Meteora.

La nostra prima spiaggia e la nostra spiaggia preferita a Cefalonia

A Cefalonia siamo stati in primo luogo in una delle sue migliori spiagge, la Spiaggia di Antisamo, un paradiso di acque cristalline. Dove puoi parcheggiare in uno dei parcheggi di una delle taverne in cambio di mangiarci e ti fanno passare la notte. La strada di accesso, invece, è lunga e molto stretta, con pendenze ripide e poiché è molto trafficata ad un certo punto abbiamo avuto un po' di difficoltà con il camper. È sempre meglio fare la strada nel tardo pomeriggio o al mattino presto.

Dove dormire e pernottare a Cefalonia

Da Antisamos siamo andati a Karavomilos, dove si trova l'unico posto dove fare i servizi del camper, il Campeggio Karavomilos. E lì eravamo così a nostro agio e così bene che si sono trasformati in due giorni di piscina e campeggio godendoci l'ambiente e le attività di Karavomilos e Sami, poiché il campeggio si trova tra le due località. Il campeggio è stato davvero fantastico.

Cosa vedere a Cefalonia

Durante i giorni in cui siamo stati a Cefalonia abbiamo visitato diversi posti. Di loro ti consigliamo di andare al La Grotta Drogarati, la spiaggia di Myrtos, dicono che sia la più bella della Grecia, la preziosa villaggio di asso e Lago Melissani, che nonostante il giro in barca sia di 10 minuti, il posto è molto bello, un bellissimo cenote a 20 minuti dal campeggio Karavomilos a piedi lungo la spiaggia. La mitologia greca narra che nel lago Melissani una ninfa si suicidò quando fu respinta dall'amore di un semidio. Divenne poi un lago rifugio per tutte le ninfe e le ninfe in formazione che avevano bisogno di un luogo tranquillo e impervio dove nascondersi.

Per andare alla spiaggia di Myrtos e alla città di Assos lo abbiamo fatto noleggiando un tour privato in taxi, in uno dei negozietti che vedrai a Samos.

Poi nella parte meridionale di Cefalonia troviamo già un altro ambiente, diverso dal nord che vi abbiamo appena spiegato. Il sud è più per famiglie e tranquillo. D'altra parte, nel nord dell'isola vediamo più un'atmosfera di giovani e feste. Il sud ospita la capitale dell'isola, Argostoli e il migliore spiagge di sabbia dorata e rossa che danno a Cefalonia la grande varietà di spiagge che ha e quindi la sua grande attrazione.

La migliore isola della Grecia, Cefalonia
La migliore spiaggia della Grecia, Myrtos, a Cefalonia

Olimpia, origine dei Giochi Olimpici

Ad Olympia i pernottamenti nei parcheggi del sito sono totalmente vietati. Per questo e perché con il caldo e i bambini un campeggio è il migliore, andiamo in un piccolo campeggio per famiglie con piscina, il Campeggio Alfio. Andiamo dritti, parcheggiamo e facciamo il bagno. Il campeggio è piccolo ma molto accogliente e con una buona ombra.

Verso le 18:10, dopo il tramonto, andiamo a vedere il museo e le rovine del sito archeologico di Olimpia, a XNUMX minuti a piedi dal campeggio. Iniziamo con il Museo, con aria condizionata e poi dai depositi. Tutto è incluso con lo stesso biglietto. Puoi vedere il Guida completa su come visitare Olimpia in Grecia sul nostro blog.

Durante la visita Jose ha quasi calpestato un serpente, spesso spaventato. Il primo di molti serpenti che vedremo in Grecia. Attento a loro.

Olimpia
Olympia, tra i siti

Gole di Lusios tra monasteri rupestri

Ci siamo svegliati presto per fare il percorso di 5 chilometri del Gole di Lusios.

Abbiamo parcheggiato nel parcheggio all'uscita del percorso.

In questo percorso vale la pena evidenziare il monastero di Néa Moní Filosófou che si tratta di un edificio seicentesco che oggi è abitato da un solo monaco. All'interno sono presenti alcuni affreschi del 1693.

Un altro monastero di interesse è Moní Agíou Ioánnou Prodromou, XII secolo. Situato in un taglio sul fianco orientale del canyon, offre magnifici panorami. A loro volta, non perdetevi i monasteri di Palea Moni (diroccato e dell'anno 960, il che lo rende il più antico del luogo) e Moni Aimyalon. Quest'ultimo, fondato nel 1605, sorge in un canyon laterale, su alcuni giardini.

Infine, altri luoghi degni di nota, oltre al parcheggio, sono i cruenti (antico centro terapeutico del IV secolo a.C. dedicato ad Asclepio, dio greco della medicina) e il ponte di Kokkora (un capolavoro di ingegneria medievale restaurato con successo). I monasteri sono chiusi dalle 13:17 alle XNUMX:XNUMX.

Gythion, Cranae Island e Dimitrios Boat Beach

Arriviamo a Penisola di Mani. Qui un must è visitare Gitión o Gythion per vedere il suo isolotto di Cranae con il suo bellissimo faro. Abbiamo parcheggiato al porto.

Mangiamo qui e poi andiamo a fare il bagno nel Spiaggia della nave affondata Dimitrios, 10 minuti di macchina, dove di fronte possiamo vedere anche la nidificazione delle tartarughe. Per dormire andremo al campeggio Mavrovuni poiché sappiamo che per legge è vietato pernottare sulle spiagge.

Spiaggia della barca di Dimitrios, a Githion, nella penisola di Mani

Mavrovuni ospita una delle spiagge più frequentate da windsurf, uno dei posti da vedere in Grecia

A Mavrovuni ci siamo sistemati in un campeggio per famiglie con piscina, direttamente sulla spiaggia e molto tranquillo, il Campeggio Meltemi. Ci sono 4 campeggi, uno accanto all'altro sulla stessa strada, puoi scegliere. È stato l'unico posto dove abbiamo trovato così tanti campeggi e anche insieme. In generale, la Grecia non ha molti campeggi.

A Mavrovuni ci siamo goduti due giorni di riposo, campeggio, spiaggia, piscina e allestimenti per continuare il percorso.

Un luogo ideale con una lunga spiaggia dorata e acque trasparenti, dove lo sport regale è il windsurf. Dallo stesso campeggio che impartiscono lezioni di windsurf e noleggio del materiale.

Pyrgos Dirou

A Pirgous Dirou, una città dove troverai un negozio di artigianato in ceramica, la grande attrazione è il Grotta di Diros. A 30 minuti dal campeggio Mavrovuni dove ci troviamo, arriviamo alla grotta. La grotta ha un tour in battello sul lago interno e un tour a piedi tra stigmate e stalattiti. Di fronte alla grotta, bella anche la cornice, una spiaggia cristallina con acque turchesi e una piccola cappella.

Dopo la visita se si vuole fare il bagno c'è a spettacolare spiaggia a 5 km per soffocare il caldo.

Grotta di Diros, a Pyrgos Dirou
Grotta di Diros, a Pyrgos Dirou

Gerolimenas, uno dei villaggi di pescatori più belli del Mani e uno dei posti da vedere in Grecia

Un posto ideale per mangiare in un buon ristorante pesce e frutti di mare freschi appena pescato è Gerolimena A 30 minuti da Pirgos Dirou, uno dei luoghi imperdibili della Grecia nel vostro itinerario.

Gerolimenas è uno dei borghi più belli della penisola di Mani. Un piccolo e grazioso villaggio di pescatori, molto pittoresco con le antiche costruzioni in pietra sullo sfondo dei pescherecci e del mare azzurro. Ha diverse taverne e bellissime spiagge.

A Gerolimenas era uno dei posti dove abbiamo mangiato il meglio della Grecia, vedendo come il pescatore vendeva il cibo direttamente al ristorante.

Inoltre, la piccola spiaggia di Gerolimenas ha acque spettacolari, cristalline e turchesi ed è possibile noleggiare una piccola barca. Un posto da non perdere senza dubbio nella penisola di Mani se vai in Grecia in camper.

Gerolimenas, uno dei borghi più belli della penisola di Mani in Grecia
Gerolimenas, uno dei borghi più belli della penisola di Mani in Grecia

Vathia, case in pietra e tanta pace

Un altro dei borghi più belli della penisola di Mani dentro c'è Vathia. Ci vorranno 20 minuti per arrivarci da Gerolimenas e qui troveremo un villaggio con tipiche costruzioni in pietra di Mani. Un posto anche molto disabitato, piccolo ma pieno di pace.

Monemvasia, un must, uno dei luoghi essenziali da vedere in Grecia

Monemvasia è uno dei borghi più belli della Grecia e la cosiddetta Gibilterra greca. Quello che possiamo visitare con l'aria fresca e bere qualcosa su una delle sue terrazze. È bellissimo nascosto dietro una roccia e pieno di chiese, castelli, belle case, vicoli ogni più belli e botteghe artigiane. Un posto che abbiamo adorato e che consigliamo al 100% come uno dei luoghi essenziali in Grecia in camper.

Peccato che la memoria di Monemvasia mi abbia procurato un'orribile emicrania. Per un pomeriggio mi ha completamente annientato. Ancora un po' e dobbiamo usare l'assicurazione di viaggio di Iati, non ho mai avuto un attacco così grave.

Sulla strada per Monemvasia, se vuoi, possiamo fermarci a cantina senza deviare nulla. Una cantina greca che permette ai camper di pernottare e parcheggiare in cambio dell'acquisto del buon vino che producono.

Coordinate GPS del magazzino: N36°51'29.4″E 22°41'49.0″/36.858170, 22.696930

Per dormire a Monemvasia è assolutamente vietato farlo in un luogo diverso dal porto, dove la polizia ti porta direttamente quando ti vede. Non ci sono campeggi ed è per questo che il municipio ci ha gentilmente messo a disposizione questo posto.

Monemvasia, il villaggio più bello della Grecia
Monemvasia, il villaggio più bello della Grecia

La Foresta Pietrificata del Geoparco di Agios Nikolaos

Ora stiamo parlando di una spiaggia paradisiaca dove si può raggiungere 1,5 ora e mezza da Nomenvasia, all'interno della bellissima , dove possiamo solo parcheggiare e dove il campeggio è altamente sorvegliato e i pernottamenti sono totalmente vietati in tutto il Geoparco e l'area.

Nel Geoparco di Agios Nikolaos troviamo la foresta pietrificata, formazioni rocciose a forma di alberello, ma anche tante calette con grotte da sogno e persino una nave affondata sotto il mare per lo snorkeling.

Per dormire, però, dovremo tornare a Monemasia o andare a Pounta.

Pounta e la città perduta sotto il mare di Pavlopetri

Pounta è un microvillaggio molto disabitato, ma un posto incredibile da visitare e passare la notte. A Pounta una delle maggiori attrazioni per noi è la Area camper completa, con tutti i servizi di riempimento e svuotamento acqua che cosa succede. Un'area privata di a taverna dove in cambio della cena o del pranzo e pagando 3€ saremo davanti ad una spiaggia suggestiva, potremo campeggiare e potremo fare servizi.

A Pounta troviamo una delle migliori spiagge che abbiamo calpestato in Grecia. Spettacolare per il suo colore, la trasparenza, ma soprattutto per la sua solitudine, che rendeva il luogo ancora più magico.

La città perduta nel mare: Pavlopetri

Inoltre, sulla spiaggia di Pounta troviamo il città preistorica di Pavlopetri sottomarina con 3 itinerari segnalati per lo snorkeling molto vicino alla riva della spiaggia. Senza dubbio uno di quei luoghi che vorremmo ripetere e che abbiamo annotato come imprescindibili per un percorso verso la Grecia in camper.

Spiaggia paradisiaca di Pounta, di fronte all'isola di Elafonisios
Spiaggia paradisiaca di Pounta, di fronte all'isola di Elafonisios

L'isola di Elafonissos

Un'altra attrazione di Pounta è che da lì possiamo accedere anche a una delle isole che, secondo il National Geographic, è la più bella del Peloponneso: l'isola di Elafonisos.

è fottuto questo traghetto e l'isola di Elafonisos è accessibile in 20 minuti, dalla stessa spiaggia di Pounta, molto vicino alla zona camper della taverna.

Mystrás o Mistrá, la città bizantina dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO

Mistra o Mistra, Città bizantina costruita su una roccia e circondata da mura. Fu fondata dai Franchi nell'anno 1249, dichiarato Patrimonio mondiale dell'UNESCOO nel 1989.

Il tour di Mystrás è progettato per lasciare il camper alla porta inferiore, prendere un taxi fino alla porta dall'alto e scendere per tutto il pendio guardando tutta la zona. Noi, però, prendiamo il taxi direttamente al Camping dove andiamo direttamente a parcheggiare e fare il bagno in piscina prima di visitare Mistra. Il campeggio si chiama Campeggio Vista Castello, altamente raccomandato e vicinissimo al primo parcheggio di Mistra (15 minuti a piedi).

Come visitare Mistra

La ragazza alla reception del campeggio ci ha gentilmente chiamato un tassista e in men che non si dica siamo arrivati ​​in cima per 7€, due€ in più del costo del parcheggio sottostante. Al piano di sopra abbiamo fatto tutto viaggio verso il basso attraverso questo imponente complesso archeologico bizantino nel seguente ordine:

  1. Il castello di Villehardouin, in cima con le migliori viste
  2. Agia Sofia, Chiesa del Palazzo e cimitero delle donne degli imperatori
  3. Agios Nikolaos, una chiesetta con affreschi un po' in cattive condizioni
  4. Porta di Nauplia. Ingresso alla Città Alta.
  5. Palazzo dei Despoti (Signori)
  6. Porta Monemvasia. Ingresso alla cosiddetta "città bassa"
  7. Convento di Pantanassa. Convento abitato da monache ancora con affreschi nella sua Chiesa. Quella che è piaciuta di più a tutta la famiglia per ospitare tanti gatti e tanta pace dentro.
  8. Monastero di Perivleptos. Accanto ad una rupe con una grotta che ne sorregge la struttura e con bellissimi affreschi del 1300.
  9. Agios Georgios. una cappella privata
  10. Palazzo Lascaris. Una tipica casa bizantina.
  11. metropoli. La Cattedrale di Agios Dimitrios con affreschi e all'interno un bellissimo cortile.
  12. Museo all'interno della Metropoli, con abiti antichi e oggetti di Mistra.
  13. Monastero di Vrontokhion. Il monastero più ricco e dove furono sepolti i grandi signori della città bizantina.
  14. Agios Teodoro. Una piccola cappella molto carina.
  15. Monastero di Agios Aphentiko con bei affreschi.

Chiaramente Consigliamo vivamente di visitare Mistra, un posto molto carino, grande e divertente durante la visita, uno dei posti fondamentali da vedere in Grecia.

Mistra, un posto fantastico in Grecia
Mistra, un posto fantastico in Grecia

Nauplia, l'antica capitale greca

Nauplia, in spagnolo, era il prima capitale greca Tra il 1800 circa ed è una delle città che si dice sia una delle più belle della Grecia, anche se a noi non sembrava così, può darsi che preferiamo i piccoli centri.

Cosa vedere e fare a Nauplia, lo lasciamo qui sintetizzato:

  1. Castello e Forte di Palamidis. I migliori vestiti della città. Puoi salire i suoi 901 gradini o andare al parcheggio, che è gratuito ma piccolo. Devi pagare circa 10€ per visitarlo.
  2. Castello di Bourtzi e forte su un isolotto. Per visitarlo bisogna prendere un battello dal lungomare. Visitarlo costa circa 6€
  3. Forte di Akronafplia, l'unico con visite libere e senza orari di apertura e il più antico della Città.
  4. Passeggia nel vivace porto
  5. Ammira la chiesa di Agios Spyridon dove, alla sua Porta, fu assassinato il primo presidente eletto della Grecia nel 1828, Ioannis Kapodistrias.
  6. Perditi nei vicoli fioriti del suo centro storico
  7. Vai alle spiagge turchesi della città. Le spiagge più conosciute sono la spiaggia di Karathona (3 km dalla città) e la arvanitia (5 minuti a piedi dalla città).
  8. Visitare un museo Il più interessante forse è il folclore del Peloponneso.

Micene, culla della civiltà

A Micene siamo arrivati ​​e siamo andati direttamente al Campeggio Atreo. Dato che abbiamo già l'esperienza che in tutti i siti archeologici è vietato pernottare, non stiamo più girando intorno e andiamo dritti in campeggio per parcheggiare e fare un tuffo in piscina.

Nel pomeriggio, con il tramonto del sole, abbiamo deciso di spostarci per visitare il sito Patrimonio mondiale dall'UNESCO della Grecia da Micene.

Se lo vuoi sapere cosa vedere a Micene e come visitare l'antica città di Micene dettagliamo tutto in questa guida dove spieghiamo la nostra esperienza e tutto ciò che sarà bene che tu sappia prima di partire.

Micene, accedendo alle cisterne
Micene, scendendo nelle cisterne

Diakopto, percorri la ferrovia a cremagliera attraverso la roccia della gola di Vouraikos

Un elemento essenziale nel Peloponneso è l'escursione con el La gola di Vouraikos e la ferrovia a cremagliera della gola che va dal mare alla montagna in un sentiero tra la roccia della montagna (percorso 19€).

Arriviamo la mattina presto e parcheggiamo nel parcheggio del diakopto-stazione, senza nulla in vista e ben chiuso, visto che abbiamo visto in park4night che a tarda notte c'è stata una rapina. Una volta sul treno, il percorso verso Kalavryta che dura 1 ora.

Prima di Kalavryta possiamo fermarci al Kato Zachlorou e da lì fare il percorso di 45 minuti a piedi fino al Monì Mega Spilaio, la monastero più antico della Grecia incastonato in una roccia impressionante.

A Kalavryta c'è un museo molto interessante e il villaggio di montagna merita una visita.

Per dormire partiremo Diakopto e andremo in un'area camper privata che si trova nelle vicinanze, a egialia, uno dei 9 con tutti i servizi in Grecia. Oppure, possiamo andare al Camping Akrata Beach e dirigerci verso la prossima destinazione di Corinto.

Corinto, 3 impressionanti aree di visita

La visita a Corinto non è una sola visita e non è tutta nello stesso luogo. Qui la nostra visita si divide in Zone 3 diverso:

  • Acrocorinth, la fortezza medievale e l'antica acropoli in cima ad un monte.
  • Siti principali dell'antica Corinto, dove troviamo la vecchia polis, la tempio di apollo e il museo archeologico. Alla base della montagna a 4 km da Acrocorinth.
  • El canale corinzio. Ad altrettanti chilometri troviamo questo imponente canale che unisce il Mar Egeo con l'Adriatico e ha uno spettacolare colore smeraldo.

Se vuoi maggiori dettagli su come visitare Corinto e cosa vedere a Corinto in ognuna di queste zone, ecco una guida completa con tutta la nostra esperienza per visitare il antica città di Corinto in Grecia.

Per passare la notte a Corinto, il migliore è uno dei campeggi sulla costa o una delle osterie vicine.

Abbiamo adorato Corinto!

Il nostro camper a Corinto, in Grecia
Il nostro camper a Corinto, esattamente ad Acrocorinth, in Grecia

Atene

Un must in Grecia era visitare il Acropoli di Atene, la sua capitale e centro nevralgico dell'antica Grecia.

Durante la pianificazione del viaggio, abbiamo visto che parcheggiare ad Atene e passare la notte sarebbe stato complicato. O erano stati banditi o c'erano stati dei furti. Ad Atenas c'è un solo campeggio e abbiamo subito provato a prenotare una piazzola. Un mese dopo il nostro viaggio ci hanno detto che tutto era completo. La nostra gioia in un pozzo.

È così che troviamo un parcheggio privato, di fronte all'acropoli che ci ha permesso di pernottare per 40€ 24 ore, un po' caro, senza servizi, ma custodito e di fronte all'acropoli, con vista imbattibile.

Cosa vedere e fare ad Atene in camper

Da quel parcheggio privato abbiamo potuto goderci al meglio la visita di Atene con i nostri figli. Infatti, puoi vedere nel ns guida completa ad Atene, con 2 percorsi a piedi, mappe, 12 consigli e 10 destinazioni essenziali. Una città che ci ha sorpreso per sempre. Non ci piacciono molto le città, ma una volta parcheggiato va detto che di solito ci godiamo tutto ciò che le città offrono. Musei, grandi monumenti, piazze, vie dello shopping piene di vita e buoni ristoranti. Qui è stato lo stesso, ci siamo assolutamente goduti tutto.

Abbiamo visitato per la prima volta l'imponente acropoli, che vi consigliamo di procurarvi i biglietti qui prima, dal momento che le code in bundle sono enormi.

Dall'acropoli e dal museo archeologico siamo andati al Foro Romano e poi a vecchio forum Greco per immaginare grandi filosofi e politici greci nella culla della democrazia.

Da lì non abbiamo perso un dettaglio, tra l'atmosfera delle strade, il quartiere di Monastiraki, visitando il Torre dei Venti, la Biblioteca di Adriano, Tempio di Efestione e Chiesa bizantina di Kapnikarea. In Monastiraki, Inoltre, abbiamo mangiato benissimo con vista sull'acropoli.

E finalmente da Monastiraki abbiamo finalmente finito per visitare il bellissimo quartiere di Plaka e il tempio di Zeus Olimpio. entro il quartiere di Plaka, Inoltre, visiteremo il piccolo quartiere di Anafiotica, strade bianche che ricordano isole come Mykonos. Plaka è un quartiere dove puoi goderti una cena perfetta e che tutti noi abbiamo adorato. Devi solo lasciare le strade principali per uscire dal circuito turistico e troverai prima l'essenza di questo quartiere. Oltre a questo, nella guida completa su Atene potrai vedere più in dettaglio altre visite che abbiamo fatto e suggerimenti.

atene con i bambini
atene con i bambini

Delfi, uno dei luoghi più magici da vedere in Grecia

El luogo più sacro del mondo, l'ombelico del mondo, oggi Patrimonio dell'umanità dall'unesco. Quella era Delfi per gli antichi greci. Luogo di pellegrinaggio dove il misterioso Oracolo di Delfi interpretato dalle Pizia, sacerdotesse, rivelava eventi futuri e consigliava le grandi città greche, le polis, sui loro affari di stato.

Arrivando a Delphi ci siamo subito resi conto che sarebbe stato molto parcheggio complicato. È stato notato che è una delle principali attrazioni turistiche della Grecia. Non ci sono parcheggi di grandi dimensioni, si può parcheggiare solo ai lati della strada segnalata come parcheggi, e non ce ne sono molti. Inoltre, i pernottamenti in tutta Delfi sono totalmente vietati.

Quindi, abbiamo deciso di andare direttamente al campeggio più vicino che c'era. Un successo del campeggio per quello che fa al campeggio stesso, dato che è stato uno dei migliori in cui siamo stati in Grecia. Il campeggio si chiama Apollo, o Apollo, mentre scrivono. Uno dei migliori campeggi greci in cui siamo stati.

delfi ha 3 aree di visita, ti diciamo dentro il nostro blog tutto su di loro e Come visitare Delfi in Grecia.

Abbiamo fatto il visite proprio come hanno fatto antichi pellegrini che venne in questo luogo sacro che era Delfi.

Tempio di Atena, la zona più bassa e la prima visita dei pellegrini a Delfi in Grecia
Tempio di Atena, la zona più bassa e la prima visita dei pellegrini a Delfi in Grecia

Meteora

Dei 17 siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO in Grecia, questo è uno dei nostri preferiti accanto a Delfi.E se sei interessato, non perdere il nostro articolo dettagliato su cosa vedere e come visitare Meteora in Grecia, con la nostra esperienza e i nostri consigli.

Meteora in Grecia, si trova nella pianura della Tessaglia, nella Grecia centrale. Una zona dove ci aspettano enormi pilastri di roccia arenaria, risultante da processi di erosione di migliaia di anni e dove a zona spirituale importante nel paese per la sua corrente 6 monasteri, dove alcuni vivono ancora 60 religiosi oggi, in precedenza erano cresciuti fino a 24 monasteri.

Sulla strada per Meteora: Termopili

Da Delfi a Meteora ci si può fermare termopili, senza andare troppo lontano. Puoi semplicemente fermarti al suo memoriale ai piedi della strada. Inoltre, attraversando la strada, troverai anche delle pozze di acqua calda proprio lì, dove attualmente si trova un campo profughi.

Meteora

Meteora è un luogo diverso, un luogo che sorprende ogni viaggiatore. Pensare che un tempo esistessero 24 monasteri sospesi sulle cime di queste frastagliate montagne rocciose viene la pelle d'oca. Oggi possiamo vederne solo 6 e tutto e così, siamo scioccati dal paesaggio di Meteora.

Anche se è vero avevamo così tante aspettative che poi Meteora sembrava più piccola di quanto ci aspettassimo. In realtà, è un zona molto ristretta di montagne appuntite e tondeggianti. Molto localizzato nella parte posteriore del Kastraki, dove abbiamo alloggiato al campeggio, a kalampaka, Kalambaka in castigliano, la popolazione più numerosa della zona. Circa 20 ettari di terreno in una zona abbastanza pianeggiante dove queste rocce raggiungono circa 600 metri di altitudine.

Nonostante sia un raggio di 8 km di autostrada attraverso il quale si vede l'intera area, è una zona spettacolare e non sorprende che sia Patrimonio dell'Umanità.

Il suo aspetto ricorda le montagne magiche di Montserrat, in Catalogna, che ha anche una componente spirituale dovuta al monastero e santuario di Montserrat. Cosa a Meteora, ci sono 6 monasteri visitabili e tutti si trovano sospesi sulle cime di montagne arrotondate e appuntite. Meteora, appunto, significa che "rocce nell'aria".

Su strada, Meteora è raggiungibile tramite Kalambaka come porta principale. Una popolazione di medie dimensioni dove ne approfittiamo per acquistare provviste in un Lidl che troviamo all'ingresso del comune. In Grecia è difficile trovare supermercati poiché tutti i paesi sono molto piccoli e al massimo troviamo qualche piccolo negozio di alimentari.

Meteora da uno dei suoi punti di vista
Meteora da uno dei suoi punti di vista

Pernottamento a Meteora in camper o camper

Poiché in tutta la zona di Meteora è assolutamente vietato pernottare a camper e camper con multe fino a 300 euro che sono state inflitte ai colleghi, abbiamo deciso di stabilirci in campeggio. La nostra scelta è Campeggio Vrachos, all'ingresso di Kastraki, comune più piccolo attiguo a Kalambaka e da dove parte la strada panoramica che attraversa i 6 monasteri.

Il campeggio è ottimo, con vista su Meteora, con tutti i servizi, una buona taverna con barbecue notturno, Wi-Fi e una piscina per rinfrescarsi. Inoltre dal campeggio parte un autobus che attraversa i 6 monasteri di Meteora e si noleggiano anche biciclette elettriche.

A parte i servizi, i nostri bambini adorano il campeggio perché ne hanno già visti 2 tartarughe mediterranee intorno alla nostra trama. In Grecia ci sono molte tartarughe terrestri del Mediterraneo, le abbiamo viste persino nei parchi e nei siti di Atene.

Al campeggio abbiamo passato una giornata facendo il bucato, facendo le pulizie, accampandoci tranquillamente e riposandoci. Uscivamo solo la sera per visitare la graziosa cittadina, giocare per un po' nel suo parco e cenare in una delle sue taverne con vista su Meteora. Un bel tramonto.

Come visitare Meteora in camper o camper

Il giorno dopo andremo a visitare i 6 monasteri direttamente con il camper su strada, anche se abbiamo deciso di visitarne solo alcuni all'interno, per non affaticare troppo i più piccoli. La gente del posto ne consiglia tre.

Se preferisci lasciare il camper in campeggio, ricorda che c'è a autobus, anche se con passaggio poco frequente che lascia il campeggio ai monasteri. Anche per i più audaci si può salire la strada noleggio bici elettriche in campeggio o pedalando con il tuo.

Infine, un'altra opzione, se vuoi sfruttare al meglio la tua visita a Meteora e senza spostare il tuo camper o camper dal campeggio, ci sono visite guidate da Kalambaka o Kastraki a Civitatis che hanno un buon prezzo e sono molto completi e scoprirete più intensamente il fascino di questo luogo magico. Se vai in alta stagione, è sicuramente l'opzione migliore per evitare problemi di parcheggio e non preoccuparti.

Visitare il 6 è facile, è un'unica strada dove ci sono diversi parcheggi per ogni monastero. E per accedere a ogni monastero dopo aver parcheggiato, bisogna salire più o meno scala, scavato nella roccia fino a raggiungerlo. All'ingresso di ogni monastero devi pagare tra 4-5 € a persona. E un'altra cosa che dovresti sapere è che i monasteri hanno ciascuno il proprio programma. Tra i dalle 15:17 alle XNUMX:XNUMX Sono gli orari di chiusura. Vedere di più come visitare meteora in grecia hai questo articolo che abbiamo fatto con la nostra esperienza con dettagli più pratici per la tua visita.

Gola di Vikos, Parco Nazionale del Pindo

Lasciamo la Grecia centrale per entrare nel nostro destino più settentrionale della Grecia, in quello che sarà il nostro viaggio: il Parco Nazionale del Pindo o del Pindo. Una delle catene montuose più grandi della Grecia che tocca Metsovo, Albania, Macedonia e Mar Ionio. Alcune montagne all'interno delle regioni greche del Epiro e Tessaglia.

Siamo arrivati ​​al parco nazionale attraverso la sua grande porta, al suo Centro di interpretazione del parco, dove uno dei suoi informatori spiega molto gentilmente tutti i tipi di dettagli sul Parco Nazionale.

Innanzitutto, comprendiamo che il Parco Nazionale del Pindo, istituito nel 1973, è un grande parco nazionale che ospita al suo interno varie aree e parchi naturali protetti. Il nostro informatore lo spiega Ci sono 3 strade principali e ognuna porta a una diversa area del Parco Nazionale.

Essendo estivo e caldo, abbiamo deciso di scoprire più ampiamente la terza zona del Parco Nazionale del Pindos, quella che cade a sinistra della gola di Vikos, della gola di Vikos.

Un grande successo, poiché è la zona che ci ha affascinato di più di tutto il nostro viaggio in Grecia.

Villaggi di pietre preziose ultra curati. Con negozi di artigianato, caffè e ristoranti di dieci. E con le gelide acque turchesi di un fiume affascinante, come il Voidomatis, in cui lo facciamo Raftingnoi Nuotiamo nelle sue spiagge e nelle sue imponenti piscine nella roccia di Papingo.

Senza dubbio un'area che consigliamo al 100%. Puoi leggere tutto sulla nostra esperienza nel Parco Nazionale di Pindos e Vikos Gorge in questo articolo in cui spieghiamo cosa vedere e fare nella zona oltre a dove passare la notte in camper.

Piscine rocciose di Papingo
Piscine rocciose di Papingo

Giannina

La Capitale dell'Epiro e porta di accesso alle montagne del Pindo e alla gola di Vilkos, non poteva essere che una tappa obbligata del nostro percorso attraverso il centro nord della Grecia.

Ionánina non è solo il centro nevralgico della regione dell'Epiro, è la città del lago greco per eccellenza, la Lago Pamvotis.

Dopo alcuni giorni nel Parco Nazionale del Pindos intorno alla gola di Vikos, abbiamo urgente bisogno di drenare e riempire l'acqua e il campeggio più vicino al Parco Naturale è il Campeggio Giannina, un campeggio molto semplice che appartiene allo yacht club del comune.

Il campeggio ha servizi molto semplici, ma la cosa migliore del posto è che si trova vicino al Lago Pamvotis con splendide viste. Da qui visitiamo Ioánnina in Grecia, le sue vestigia ottomane e ti racconteremo tutto in questo post cosa vedere e fare a Giannina in Grecia.

Il traghetto dal centro di Ioannina all'isola di Nissi costa 2 €
Il traghetto dal centro di Ioannina all'isola di Nissi costa 2 €

yogoumenitsa

Iogumenitsa è la nostra ultima destinazione in Grecia e la nostra uscita porta al ritorno Spagna. È da qui che prendiamo il primo traghetto che ci porterà ad Ancona, in Italia.

Da Ancona attraverseremo l'Italia in camper in 3,5 ore e prenderemo il secondo traghetto a Civitavecchia, che ci porterà a Barcellona.

Sosta alla Foresta Sacra, in Italia sulla strada per Barcellona

Sulla strada tra Ancona e Civitavecchia abbiamo fatto una tappa in Italia che vi consigliamo: il Bosco Sacro o Parco dei Mostri a Bomarzo. Un punto di passaggio tra i due traghetti, quasi senza deviare, che ci è piaciuto molto visitare.

Ultimi post dal nostro blog

Codice etico:

Sul nostro blog troverai link di affiliazione. Questi sono sempre collocati con la nostra più alta etica. Non pubblichiamo mai alcun servizio o prodotto che non abbiamo utilizzato prima e di cui siamo sinceramente soddisfatti. Ecco perché le nostre raccomandazioni sono sempre etiche. Inoltre, non ci sono costi aggiuntivi per la prenotazione tramite i nostri link e, d'altra parte, significa una piccola commissione per noi che ci aiuta a mantenere questo blog in modo che tu possa continuare a godertelo gratuitamente.

Fare clic per votare questa voce!
(Voti: 5 Media: 4.2)

Questa voce ha 2 commenti

  1. Berny

    Merci pour votre travail qui est très complet. Je me rends en Grèce en mai juin 2023 et vais suivre beaucoup de vos conseils. bis bravo

  2. Silvia

    Grazie mille per tutte le informazioni!

Lascia una risposta